EYES WIDE SHUT

DATI TECNICI:

Anno: 1999
Paese di Produzione: Usa, Regno Unito
Genere: Drammatico, Erotico
Regia: Stanley Kubrick
Intepreti Principali:
Tom Cruise: Bill Harford
Nicole Kidman: Alice Harford
Sidney Pollack: Victor Ziegler
Todd Field: Nick Nightingale
Vanessa Shaw: Domino
Rade Serbezija: Milich

RECENSIONE (contiene spoiler):

L’ultima, lunghissima fatica di Stanley Kubrick – che con “Eyes Wide Shut” rielabora un romanzo di Arthur Schnitzler – ci regala ancora una volta un capolavoro.
Kubrick è sempre stato un regista ossessionato dalla perfezione e al tempo stesso interessato a scandagliare l’animo più nascosto delle coscienze umane. Infatti anche il sesso – in un film che punta molto del suo appeal sulla coppia sensuale Kidman-Cruise – appare come filtrato dalla bellezza formale rigorosamente imposta dal regista.
968full-eyes-wide-shut-screenshotD’altronde il sesso in questa storia è più raccontato che fatto: basti pensare alla lunghissima confessione di Nicole Kidman relativa ai suoi sogni erotici su cui si basano le successive azioni di Cruise, catapultato in un vortice di ossessioni e di gelosie.
Restano dunque nella memoria i primi piani dei protagonisti, le luci azzurre soffuse che trasformano accoglienti appartamenti in luoghi improvvisamente ostili, tra corridoi dove anche le luci dell’albero di Natale riescono a trasmettere un’angoscia difficilmente descrivibile e solo un maestro come Kubrick avrebbe potuto riuscirci.
In seguito alla discussione e al racconto di Alice Harford, il marito Bill, medico in carriera, viene chiamato da una paziente nel cuore della notte. E qui inizia la parte decisamente più interessante dell’opera, perché con la scusa della visita a domicilio Bill Harford inizia un peregrinare senza meta tra le vie del quartiere newyorchese Village.
Eyes12Il dottore ha così la possibilità di fare una serie di incontri con personaggi tra i più disparati: una prostituta che paga ma con cui non consuma alcun rapporto, un vecchio amico pianista e un bizzarro venditore di costumi russo.
Mentre la recitazione nervosa della Kidman appare in certi punti talmente sopra le righe da risultare artificiosa, l’intensità di Cruise riesce a trasportarci perfettamente in questo viaggio nell’incubo. Il dottore da lui interpretato pare come guidato da un destino superiore e ignoto a cui si lascia deliberatamente andare, ma al tempo stesso egli è consapevole del fatto che comunque la moglie in passato non lo ha tradito veramente e che adesso lei lo sta attendendo a casa.
Fino a giungere alla scena clou, in cui Bill Harford si “imbuca” in una festa in una maestosa villa fuori città. Qui la regia di Kubrick sale in cattedra per mostrarci i riti orgiastici del gruppo mascherato di altolocati ed enigmatici personaggi. Quando il dottore poi verrà scoperto e additato le maschere diverranno come un emblema del giudizio per la colpa di tutto ciò che il dottore non ha detto alla moglie e viceversa.
eyeswideshut2E qui il sesso non è né raccontato, né realmente praticato (poiché assistiamo tutto dalla prospettiva curiosa ed ossessionata di Bill Harford), bensì guardato, divenendo così l’apogeo della visione e distaccandosi – e soprattutto distaccando il protagonista – dal viaggio mentale che stava compiendo. L’orgia ha una fine improvvisa e dai risvolti imprevisti, ma quando il dottore fa ritorno a casa riusciamo a comprendere che l’aver partecipato a questo rituale abbia contribuito il protagonista a prendere coscienza dei suoi errori e della verità. La vivida curiosità senza pregiudizio con cui Bill chiede dettagli sull’incubo che Alice stava facendo lo dimostrano pienamente.
eyes wide shutDal canto suo, la fantasia di Alice e il ritrovamento successivo della maschera sul suo letto, alludono al fatto che tutta la storia potrebbe in realtà essere una grande fantasia (“Doppio sogno” era l’emblematico titolo di Schinztler).
Ma la storia è tutta nella realtà, ci presenta situazioni banalmente quotidiane come la vita famigliare e lavorativa di un piccolo borghese, i piccoli tradimenti e le tentazioni.
Tanto che il film termina nel più banale dei modi, ovvero in un centro commerciale, emblema della mediocrità a cui dopotutto la coppia sembra infine arrendersi e fare ritorno. Una quotidianità borghese che assume i tratti viscidi e immorali, al limite della legalità, condensati nella figura dell’amico di Bill, il ricco Victor Ziegler interpretato magistralmente da Sidney Pollack.
Resta così insoluto il risvolto thriller che aveva preso il film nella sua seconda parte, con le indagini di Bill Harford nei confronti della setta misteriosa che contribuiranno ad alimentare la tensione e il sentimento di angoscia, tra pedinamenti e sparizioni.
Sopra tutte le azioni del dottore, aleggia leggero il velo della morte, come nella sequenza della visita in casa della paziente e in quella della visita alla ragazza nell’obitorio.
Il potere deterrente di Thanatos riesce così a mitigare le passioni dell’Eros e a darne un senso.

fhd999EWS_Tom_Cruise_015

IL FIORE DELLE MILLE E UNA NOTTE

DATI TECNICI:

Anno: 1974
Paese di Produzione: Italia, Francia
Genere: Erotico, Drammatico
Regia: Pier Paolo Pasolini
Interpreti principali:
Franco Merli: Nur-ed-din
Ines Pellegrini: Zumurrud
Ninetto Davoli: Aziz
Franco Citti: il demone

RECENSIONE (contiene spoiler):

Si può vedere “Il fiore delle mille e una notte” nel contesto della “Trilogia della vita” di Pasolini: così il film appare simile agli altri nell’esposizione dei temi amore-destino-sesso-morte, con quel clima gioioso e vitale che emanano queste pellicole e che ricrea una poesia unica.
Oppure si può vedere il film in antitesi a “Salò”, la tremenda ultima opera di Pasolini realizzata un anno dopo, per comprendere come l’erotismo e la nudità (qui abbondante, in misura ancora maggiore rispetto ai due precedenti episodi della “Trilogia”) assuma un significato liberatorio, poetico e religioso molto alto e non assimilabile al filone del “boccaccesco” e del disimpegno.
Malgrado la polemica di allora tra Pasolini e la sinistra che riteneva questi film non politicamente impegnati, e al di là delle sciocche e prevenute critiche moraliste, è proprio nell’estrema leggerezza, nella gioia del raccontare e nella bellezza della poesia de “Il fiore delle mille e una notte” che emergono e si disvelano in maniera del tutto libera ed innocente i quattro temi sopra citati, che caratterizzavano già gli altri due capitoli della “Trilogia della vita”.
Sicuramente Pasolini è aiutato dall’ambientazione straordinaria dei racconti dai quali sono tratti gli episodi del film. Ma il regista sa anche scegliere con precisione i luoghi e le inquadrature adatte per ricreare quest’atmosfera magica: gli assolati deserti dell’Etiopia, le splendide mura di Sana’a nello Yemen (consiglio anche la visione del breve documentario “Le mura di Sana’a” dello stesso Pasolini) e l’India di poveri e maestosi villaggi al confine col Tibet.
Inoltre l’incredibile scelta di doppiare gli attori (tutti non professionisti) con la voce di ragazzi presi dalle strade pugliesi, benché folle rende al massimo l’intento dell’autore: sottolineare ogni parola con un accento gioioso, allo stesso modo in cui ogni amplesso, ogni gesto ed ogni sguardo è generato da una spontanea voglia di vivere, non ancora contaminata dalla mentalità capitalista secondo la poetica del regista.
La struttura non rigida degli episodi, ma concentrica e fatta di “racconti di racconti”, ad incastro, rende la storia ancora più gradevole.
L’anima del film è quella poetica e sensuale, che si esprime alla perfezione nella storia d’amore che fa da cornice a tutti gli altri racconti che da essa si generano, quella tra il giovane Nur Ed Din (un efficace Franco Merli) e la schiava Zumurrud (una longilinea e furba Ines Pellegrini). La ricerca dell’amore tra i due giovani viene interrotta da una serie di situazioni e di imprevisti; mentre la leggerezza degli incontri che Nur Ed Din fa sulla sua strada nella peregrinazione portano solamente alla ricerca della sua amata.
Su tutto domina chiaramente il destino; un fato accettato con allegria e con saggezza, come nell’episodio del Re etiope e della coppia.
Ma l’altro tema predominante, specie nella seconda parte del film e nel racconto dei due santoni Shazaman e Yunaan, è quello di un destino ineluttabile di morte a fianco al tema del sesso e dell’amore.
Emblematico il lungo episodio di Aziz (Ninetto Davoli) e Aziza, dove è evidente lo scontro tra amore carnale ed amore sensuale, che però viene mitigato dalla forma della poesia, con cui le due donne, la sensuale Budur e la sposa rifiutata Aziza, comunicano tramite l’energia infantile e priva di coscienza di Aziz.
Un destino d’amore e di morte pur sempre vissuto senza colpa. Nella seconda parte del film il viaggio si fa così nel fantastico, ed è esemplare come nel racconto dei due giovani santoni, i due protagonisti entrino in veri propri ambienti sotterranei, dove incontreranno due giovani vittime sacrificali, ed in un caso addirittura un demone (impersonato dal sempre bravo Franco Citti, qui con una sgargiante parrucca rossa).
Le azioni che prima venivano compiute secondo l’istinto primordiale e seguendo unicamente il destino degli dei – che compare dietro ogni angolo delle assolate città così splendidamente fotografate da Pasolini – qui diventano veramente ineluttabili, tanto che il giovane Yunaan agisce in stato di sonnambulismo e dietro profezia.
Qui i corpi nudi, che precedentemente venivano inquadrati senza vergogna, in modo liberatorio ed innocente, esaltandone la potenza selvaggia e la naturale bellezza, assumono una forma quasi mitica, come gli eroi nudi delle statue greche.
Ovviamente abbondano primi piani di organi genitali, soprattutto maschili, ma il regista ha modo di esaltare non solo l’amore omosessuale, bensì anche quello eterosessuale, fino ad un divertente finale che scambia completamente ogni ruolo. Ma il tutto è raccontato senza oscenità, anzi con grande poesia e immensa gioia. Una gioia che assume un significato tanto più alto se confrontata alla torbida situazione descritta in “Salò” – e che riflette la nostra situazione contemporanea.
Dunque un film da vedere assolutamente, come grande prova di poesia.