Pubblicato il

HARDCORE

DATI TECNICI:

Anno: 1979
Paese di Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Regia: Paul Schrader
Interpreti principali:
George C. Scott: Jake Van Dorn
Peter Boyle: Andy Mast
Season Hubely: Niki
Gary Graham: Tod

RECENSIONE (contiene spoiler):

Lo sceneggiatore di “Taxi Driver” Paul Schrader prosegue idealmente il viaggio notturno e allucinato raccontato da Scorsese in quel film, portandoci nei meandri più oscuri del sesso alla regia di un film dall’emblematico titolo: “Hardcore”.
cscotthardcoreLa storia è quella di un maturo e tranquillo imprenditore, Jake Van Dorn, che deve ritrovare la giovane figlia scomparsa in seguito a un convegno religioso fuori porta a cui si era recata.
La particolarità della situazione è data dal fatto che l’uomo è un fervente e praticante calvinista, mentre poco a poco scopriremo che la figlia è svanita perché finita nel giro dell’industria porno.
Gli effetti collaterali di tale contraddizione sfoceranno nel dramma, e attraverso l’ostinazione con cui Jake vorrà riportare con sé la propria figlia egli verrà a contatto con un mondo sconosciuto, per cui dovrà addirittura fingere di essere un aspirante produttore di film hard.
hardcore2Gran parte della pellicola si regge tutta sulle spalle robuste di George C. Scott e della sua intensa interpretazione di Jake.
Ma la contraddizione (in parte autobiografica considerando la personalità del regista) tra la religiosità dell’uomo e la sessualità spinta del microcosmo descritto, riesce ad ottenere in più parti un risultato quasi comico e grottesco.
Paul Schrader descrive senza empatia la fiorente industria porno americana nella California degli anni ’70-’80, soffermandosi su tutta una serie di servizi che vengono offerti da prostitute di ogni genere, evidenziando perciò il lato meccanico della sessualità pagata e indulgendo sulla povertà e sulla costrizione subita da donne che non hanno altri mezzi per guadagnarsi da vivere.
hardcore2 (1)Al tempo stesso vengono descritti gli aspetti molto fantasiosi e creativi, dall’amaro retrogusto comico, con cui nei vari locali dove Jake svolgerà le ricerche della figlia vengono proposte attrazioni in grado unicamente di spillare soldi agli ingenui spettatori che ne usufruiscono.
I personaggi di contorno di questo viaggio bizzarro sono il mitico Peter Boyle nei panni di uno squallido ma sensibile detective privato e Season Hubley in quelli di Niki, prostituta che aiuterà il protagonista nelle sue ricerche verso la fine del film.
HardcoreSarà proprio questa donna senza peli sulla lingua e pregiudizi a rivelare allo spettatore come l’ostilità nei confronti della sessualità e la critica dell’industria pornografica in Jake siano il risultato di un matrimonio fallito e di una meschinità d’animo di fondo, di cui è un chiaro emblema la comunità religiosa e benpensante di Jake, descritta all’inizio del film.
Il padre riuscirà a ritrovare la figlia, proprio mentre stava per essere coinvolta in uno snuff movie, salvandole perciò la vita, dimostrando una ferrea volontà e confermando nei fatti le sue teorie religiose sulla predestinazione. Da queste teorie è però escluso il concetto di libertà di scelta (proprio per questa ragione la ragazza era spontaneamente fuggita di casa) e l’essere umano rimane così relegato in un mondo incantato e fuori dalla realtà come quello descritto da Schrader all’inizio del film.

hardcore5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...