Pubblicato il

UOMINI CHE ODIANO LE DONNE

DATI TECNICI:

Anno: 2009
Paese di Produzione: Svezia, Danimarca
Regia: Niels Arden Oplev
Genere: Thriller
Interpreti principali:
Noomi Rapace: Lisbeth Salander
Micheal Niqvist: Mikael Blomqvist
Sven Betril Traube: Henrik Larsen

RECENSIONE (contiene spoiler):

Dal romanzo di Stieg Larsson, un moderno thriller ricco di risvolti intellettuali che emergeranno lentamente nel corso dell’opera.
Il ritmo della storia è subito veloce, ma riusciamo a cogliere il senso di tutti i pezzi che ne compongono il puzzle solo gradualmente. In questo modo siamo compartecipi della ricerca del giornalista Micheal Blomqvist, reporter della rivista “Millenium”, che viene incontro alla richiesta da parte di un ricco anziano – Henrik Larsen – di indagare sulla scomparsa della nipote.
uomini-che-odiano-le-donne-clip-2-3983Il fatto è che questo avvenimento è successo anni e anni prima; così lentamente ci accorgiamo che il thriller è anche un pretesto per invitarci a riflettere sulla storia e sui crimini che gli uomini hanno sempre perpetrato nel corso dell’umanità.
Infatti, la ricca famiglia dei Larsen ha un passato oscuro legato al nazismo; così mentre Blomqvist indaga sul materiale di vecchie foto ricomponendo il puzzle di un serial killer fanatico che uccide e tortura donne ebree e ragazze di strada, la sua storia si incrocia con quella dell’hacker Lizbeth Salander, vera protagonista del film: icona femminista, piercing, tatuaggi ed estetica dark.
esterne091458440903150159_bigIn questo modo da un caso del passato veniamo idealmente messi in contatto con una realtà di soprusi che vengono continuamente perpetrati anche nel presente. Si tratta di violenze che nascono da abusi di potere, ignoranza e conservatorismo culturale, anche nell’illuminata Svezia in cui viveva Stieg Larsson.
Così, mentre il thriller si fa sempre più avvincente e ricco di sorprese, il finale del film ci lascia ad un’amara e realistica riflessione sulla realtà, sugli abusi degli uomini nei confronti di chi viene generalmente ritenuto più fragile.
E ad un interrogativo ancora più sconvolgente, che ci pone la vita e la condotta stessa di Lizbeth Salander:  di fronte a certi abusi e soprusi di persone prive di pietà non è forse giusto non provare alcuna pietà ed anzi reagire?
Una riflessione sul dolore che si fa tramite la riscoperta di una memoria perduta e negata, ma anche attraverso la carne, dove erotismo e violenza si intrecciano soprattutto sul volto di Noomi Rapace, ruolo indimenticabile che infatti ha dato seguito alla trilogia di “Millenium”.

uomini-che-odciano-le-donne-2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...