Pubblicato il

LE VIE DELLA VIOLENZA

DATI TECNICI:

Anno: 2000
Paese di Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Regia: Christopher Mc Quarrie
Interpreti principali:
Benicio del Toro: Longbaugh
Ryan Philippe: Parker
Juliette Lewis: Robin
James Caan: Joe Sarno

RECENSIONE (contiene spoiler):

“Le vie della violenza” è un noir asciutto, ambientato nelle solite polverose strade americane al confine col Messico. Il viaggio on the road è quello di due piccoli criminali (Benicio del Toro e Ryan Philippe, entrambi senza infamia e senza lode thewayofthegun3b81emnell’interpretazione) che, capitati per caso in una banca del seme, rapiscono una ragazza incinta (la giovane Juliette Lewis già mitica protagonista di “Cape Fear” e “Natural Born Killers”, qua costretta per lo più ad urlare e piangere per i crampi della nascita).
Sulle sue tracce un vecchio e ricco malavitoso gli scatena contro due sicari.
E’ un film che straordinariamente non ha eroi buoni, dove l’amoralità dei personaggi non sfocia in cieca violenza, ma in freddo mestiere. Mentre tra i sicari, il ricco uomo e i suoi familiari emergono numerosi complotti e questioni di sfiducia, i due rapitori sono due persone dipinte senza alcuna emozione, se non sotterranea e timida, neanche di fronte al dolore della ragazza incinta. I due vanno 600full-the-way-of-the-gun-screenshotavanti incontro al loro destino di morte, uniti fino alla fine, nella memorabile sparatoria finale in un cortile messicano – forse la parte migliore del film.
I paesaggi sono asciutti, le emozioni non emergono mai pienamente e la recitazione dei protagonisti non è memorabile; molto meglio quella dei personaggi secondari, tra cui i due sicari, e soprattutto quella del “vecchio” James Caan, nei panni di un amico del ricco malavitoso,  l’unico che sembra muoversi a suo agio in un mondo dominato dalla violenza, ma anche il solo a provare un reale e paterno senso di protezione nei confronti della ragazza.
Da notare il paradossale finale del film, dove mentre si consuma la sfida finale piena di proiettili e sangue, la ragazza partorisce; come a dire che dalla morte nasce nuova vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...